Home Mesi precedenti Giugno 2017
Giugno 2017 PDF Stampa E-mail

N° 196 - Giugno 2017

Gio 01

S. Giustino Mart.

 

17.00: Adorazione

18.30: Messa + adorazione fino alle 20.00

F E S T A P A R R O C C H I A L E

Ve 02


17.00, in via Mezzoldo:

inizia la festa parrocchiale

Non si celebra la Messa delle ore 18.30

Sa 03

Ss. Carlo Lwanga e Comp. Mart.

8.30: Messa al campo

18.30: Messa prefestiva

Do 04

DOMENICA DI PENTECOSTE

Festa patronale della Congregazione dello Spirito Santo

Messa: 8.00 in chiesa

 

11.00 in Via Gorlago

TEMPO ORDINARIO

Lu 05

s. Bonifacio Mart.

8.30: Messa

18.00: Gruppo di preghiera

Ma 06

 

18.30: Messa

Me 07

 

18.30: Messa

Gio 08

 

17.00: Adorazione

18.30: Messa + adorazione fino alle 20.00.

Ve 09

 

18.30: Messa

Sa 10


8.30: Messa

18.30: Messa prefestiva

Do 11

SS. TRINITA’

Messa: 8.00, 10.00, 11.30

 

Lu 12

 

8.30: Messa

18.00: gruppo di preghiera

Ma 13

S. Antonio di Padova Sac. e Dott.

18.30: Messa

Me 14

 

18.30: Messa

Gio 15

 

17.00: Adorazione

18.30: Messa + adorazione fino alle 20.00.

 

Ve 16

 

18.30: Messa

Sa 17


8.30: Messa

18.30: Messa prefestiva

Do 18

 

SS. CORPO E SANGUE DI CRISTO

Messa: 8.00 in chiesa

10.00: processione eucaristica dal terreno in Via Gorlago fino alla Chiesa e S. Messa del Corpus Domini.

Lu 19

CONVEGNO DIOCESANO

8.30: Messa

18.00: Gruppo di preghiera

Ma 20

CONVEGNO DIOCESANO

18.30: Messa

Me 21

 


18.30: Messa

Gio 22

 


17.00: Adorazione

18.30: Messa + adorazione fino alle 20.00.

Ve 23

SACRATISSIMO CUORE DI GESU’;

NATIVITA’ DI S. GIOVANNI BATTISTA

 

18.30: Messa

Sa 24

 


8.30: Messa

18.30: Messa prefestiva

Do 25

XII Domenica del tempo ordinario

Messa: 8.00, 10.00; 11.30

Lu 26

 

8.30: Messa

18.00: Gruppo preghiera

Ma 27


18.30: Messa

Me 28


18.30: Messa prefestiva

Gio 29

SS. PIETRO E PAOLO APOSTOLI

17.00: Adorazione

18.30: Messa + adorazione fino alle 20.00.

Ve 30

 

18.30: Messa

 

Ogni domenica la S. Messa viene celebrata alle 9.45 a Don Gnocchi. Battesimi: si celebrano due volte al mese: la 1a domenica (messa del sabato sera) e la 3a (messa delle ore 11.30). Prenotate almeno due mesi prima. Oltre all'incontro con il sacerdote, la preparazione comporta la partecipazione ad alcune riunioni con i genitori che nello stesso periodo vogliono far battezzare il figlio.

Orario delle Messe: la S. Messa feriale si celebra alle ore 18.30

Preghiera del Rosario: tutti i giorni alle ore 18.00, prima della Messa serale.Adorazione eucaristica: tutti i giovedì dalle 17.00 fino all’ora della messa e dopo la messa

 

  • Questo foglio mensile è sempre disponibile in chiesa

 

LA PENTECOSTE

A Pentecoste si ricorda e si celebra la discesa dello Spirito Santo su Maria e gli apostoli riuniti insieme nel Cenacolo. La Chiesa, in questa solennità, vede il suo vero atto di nascita d’inizio missionario, considerandola insieme alla Pasqua, la festa più solenne di tutto il calendario cristiano. Quali sono le origini ebraiche della festa? Gli Ebrei la chiamavano “festa della mietitura e dei primi frutti; si celebrava il 50° giorno dopo la Pasqua ebraica e segnava l’inizio della mietitura del grano; nei testi biblici è sempre una festa agricola. È chiamata anche “festa delle Settimane”, per la sua ricorrenza di sette settimane dopo la Pasqua; nel greco “Pentecoste” significa 50° giorno. Il termine Pentecoste, riferendosi alla “festa delle Settimane”, è citato in Tobia 2,1 e 2 Maccabei, 12, 31-32. Lo scopo originario di questa ricorrenza era il ringraziamento a Dio per i frutti della terra, cui si aggiunse più tardi, il ricordo del più grande dono fatto da Dio al popolo ebraico, cioè la promulgazione della Legge mosaica sul Monte Sinai. Secondo il rituale ebraico, la festa comportava il pellegrinaggio di tutti gli uomini a Gerusalemme, l’astensione totale da qualsiasi lavoro, un’adunanza sacra e particolari sacrifici; ed era una delle tre feste di pellegrinaggio (Pasqua, Capanne, Pentecoste), che ogni devoto ebreo era invitato a celebrare a Gerusalemme. Quali sono i doni dello Spirito Santo? L’insegnamento tradizionale, seguendo un testo di Isaia, ne elenca sette: sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà e timore di Dio. Essi sono donati inizialmente con la grazia del Battesimo e confermati dal sacramento della Cresima. Qual è il simbolo dello Spirito Santo? Pochissime volte è stato rappresentato sotto forma umana; mentre nell’Annunciazione e nel Battesimo di Gesù è sotto forma di colomba, e nella Trasfigurazione è come una nube luminosa. Ma nel Nuovo Testamento, lo Spirito divino è esplicitamente indicato, come lingue di fuoco nella Pentecoste e come soffio nel Vangelo di Giovanni (20, 22); “Gesù disse loro di nuovo: Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch’io mando voi. Dopo aver detto questo, soffiò su di loro e disse: Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati, saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi”.  Lo Spirito Santo, più volte preannunciato nei Vangeli da Gesù, è stato soprattutto assimilato al fuoco che come l’acqua è simbolo di vita e di morte.

P. Vincenzo, P. Guy-Léandre

 

Tel/Segr./Fax di Via Treviglio, 7: 06 30 99 37 63 – Email:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Sito:www.parrocchiasantabrigida.org; Ufficio parrocchiale-giovani, via della Palmarola, 145: 06 30 92 565; (martedì e venerdì, mattina: ore 09-12; mercoledì e giovedì pomeriggio ore 15.30-17.45 Ufficio parrocchiale-catechismo, via gorlago 4/16): ore 17-18.30; (Tel. P. Vincenzo: 345 53 45 739; P. Guy-Léandre: 334 97 51 263)

 

 

N° 196 GIUGNO 2017

Via Luzzana, 13

 

 

 

 

« ma avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino agli estremi confini della terra». Atti 1,8